iPad Mini, ci sarà mai? Riflessioni di uno scettico

alessandro
21 apr 2012

Ormai si parla da tempo di un iPad Mini, secondo i blogs più accreditati Apple potrebbe lanciare la versione economica del suo tablet, dotato di un display di 7.85” e ad un prezzo non superiore a 300 $, nel terzo trimestre del 2012.

L’obiettivo sarebbe quello di aggredire il segmento economico del mercato, entrando così direttamente in concorrenza con altri competitors che già hanno saggiato questa fascia di mercato, si pensi al Kindle Fire di Amazon. Ma siamo sicuri che sia veramente nella filosofia della Mela costruire prodotti per la fascia economica?

A dire il vero, dall’anno della sua fondazione (1976)  Apple ha sempre realizzato prodotti premium per fasce di mercato premium, questo è stato sin da subito chiaro dalla politica dei prezzi, certamente superiori a quelli praticati dai concorrenti, prezzi giustificati da un design ricercato ed evoluto, oltre che, naturalmente, da una qualità complessivamente superiore. Il punto è proprio questo, dal 1976 ad oggi la Mela ha pensato esclusivamente ad un bacino di utenza con budget superiore rispetto alla media dei consumatori, fino, infatti, alla larga diffusione dei suoi prodotti, risalente a non più di un decennio fa (merito di iPod ed iTunes) i devices di Cupertino rimanevano prodotti di nicchia, non destinati certamente all’elettronica di consumo. Perché mai allora d’un tratto lì a Cupertino dovrebbero cambiare filosofia, voltando le spalle a 36 anni di storia? È vero che il vecchio guru Steve Jobs non c’è più, è vero che ci sono nuovi mercati da scoprire (Cina, Brasile, India, Russia) è vero che i rivali (Amazon, Samsung, Lenovo) sono padroni del segmento economico, ma tanto è motivo sufficiente per decidere di collocarsi più in basso nel mercato? Personalmente sono scettico e sebbene la maggior parte dei siti specializzati dia per scontata la presentazione di un iPad Mini, io continuo a riservare grandi dubbi in merito. Anche in passato si è lungamente discusso di un iPhone economico che non sarebbe, poi, mai arrivato sul mercato, Apple preferisce far diventare entry level il modello che va a sostituire e così abbiamo visto che al momento della presentazione di iPhone 3Gs il 3G è diventato il modello economico, l’anno successivo con la presentazione di iPhone 4 Apple ha mantenuto (e mantiene tutt’ora) sul mercato il 3Gs lasciandolo nella sola versione 8 Gb e riducendo fortemente il prezzo. Così è avvenuto anche per iPad 2; presentato lo scorso Marzo il nuovo iPad, iPad 2, nella sola versione 16 Gb, è diventato il modello di fascia economica, l’entry level ad un prezzo di € 399.

Ecco allora perché continuo a non credere ad un iPad Mini; un iPad Mini sarebbe contro la filosofia di un’azienda premium che preferisce collocarsi in alto nel mercato  e rendere più accessibili i propri prodotti riducendo fortemente i prezzi delle versioni più vecchie.

D’altronde, stesso percorso hanno seguito altre aziende premium, si pensi al mercato dell’automobile, avete mai visto Bmw o Mercedes collocarsi nel segmento A? quello della Fiat Panda, della Hyundai Atos e della Renault Twingo per intenderci, eppure quello del segmento A è un mercato molto florido per le cause automobilistiche. Oppure avete mai visto maisons di moda come Gucci, Prada, Louis Vuitton produrre accessori distribuiti nei centri commerciali? Io no. Queste insomma le considerazioni che mi inducono a ritenere, magari controcorrente, che Apple non entrerà mai nel segmento economico dell’elettronica; certamente potrei ben presto essere smentito, ma alle speculazioni dei vari blogs io contrappongo la mia, Apple non presenterà un iPad Mini.

Alessandro Leo

Articoli molto simili

0 Commenti

  1. larry

    bè conconrdo quasi in tutto tranne al fatto che le grandi case automobilistiche non sia entrare in fasce più basse di mercato. magari non a diretta competizione con Panda etc (dove non credo che ci siano grand guadagni, ma se guardiamo alle ultimissime versioni delle auto si va sempre più verso le piccole e più economiche (serie1 di BMW e Audi A1 etc etc).

    • acaonweb

      Possono pure essere nello stesso settore come dimensione dell’automobile, ma non sicuramente economiche.

      • ciò conferma la mia idea, alcune aziende non producono per fasce economiche di mercato.

Lascia la tua opinione