Hacker cinesi attaccano portaerei Usa: è questa la terza Guerra Mondiale?

Hacker cinesi attaccano portaerei Usa: è questa la terza Guerra Mondiale?

portaerei reagan usa hacker cinesi terza guerra mondiale

Negli ultimi giorni la situazione internazionale si è fatta molto tesa, i contrasti tra Russia e Stati Uniti tornano a prospettare un mondo diviso in blocchi, scenario dimenticato con la fine della guerra fredda, ma queste due superpotenze non sono gli unici attori sullo scacchiere globale. Non dimentichiamoci della Cina che, complice un’espansione economica senza precedenti, mira a un ruolo fondamentale negli equilibri geopolitici. In queste ore fa discutere il rischio di attacchi hacker tra Russia e Stati Uniti, ma a colpire è stato il Dragone… Un assaggio di come potrebbe essere la terza guerra mondiale.

Terza guerra mondiale? Sì, informatica

La portaerei ameircana Ronald Reagan ha subito un attacco hacker strutturato, finalizzato a carpire informazioni circa le manovre strategiche. Non si tratta di uno scenario fantapolitico, a raccontare il fatto è il Financial Times, che riporta le dichiarazioni di Fire Eye, società di sicurezza informatica a stelle e strisce.

Dietro questa offensiva c’è un team di hacker cinesi, che ha bombardato alcuni funzionari governativi con mail malevole mentre si trovavano a bordo. In quel momento la portaerei stazionava nell’area del Mar Cinese Meridionale, zona contesa. A quanto pare, non esiste prova del legame tra gli hacker e il governo di Pechino.

Il team però sarebbe stato identificato. Gli attacchi proverebbero da Shanghai, Daton Road, dove è ubicato un palazzo di dodici piani. Non si tratta dunque di un’iniziativa militare, ma il dubbio resta e rende ancora più infuocato l’asse Cina-Usa.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO